Le regole per una frittura meno grassa

  • Asciugare bene l’alimento da friggere: cuocerà più in fretta, assorbendo meno olio.
  • Più il cibo da friggere è piccolo più olio assorbirà. Attenzione, però, a non cadere nell’errore opposto: se le patatine (o gli altri cibi) sono fritte in pezzi troppo grandi, aumenterà il tempo di cottura e il rischio che si formino sostanze nocive, come per esempio l’acrilammide.
  • Usare preferibilmente l’olio di arachide perchè fuma a temperatura più elevata rispetto agli altri oli. In ogni caso è meglio non superare i 175/180 °C di temperatura. Per verificare se l'olio è arrivato a temperatura basta intingere un bastoncino di legno: quando si formano le bollicine è il momento giusto per calare il cibo. Ma se si controlla la temperatura dell'olio col termometro da cucina è molto meglio.
  • L'olio deve essere sempre abbondante.
  • Meglio friggere piccole quantità alla volta: così facendo si manterrà sempre alta la temperatura dell’olio.
  • Per evitare il surriscaldamento dell'olio non lasciare la padella senza cibo per troppo tempo ma immergervi il cibo successivo o almeno un pezzo di pane.
  • Prima di friggere alimenti infarinati aver cura di scuoterli a lungo altrimenti la farina farà bruciare l'olio.
  • Riscaldare gradatamente l'olio e non avvicinarsi mai al punto di fumo (in caso contrario l'olio diventa tossico e quindi va gettato).
  • Non forare la frittura con la forchetta mentre cuoce perchè si riempirebbe d'olio. 
  • Avvolgere nella carta da cucina l’alimento fritto permette di liberarlo di una buona parte dell’olio assorbito.
  • Cambiare l’olio ad ogni frittura.

 

Valid HTML 4.01 Transitional W3C - Valid CSS3 W3C