Allergia al vino debellata con l'Ozono

Ricercatori spagnoli sono riusciti a mettere a punto un nuovo metodo per conservare freschi i grappoli d'uva destinati a diventare vino sostituendo il diossido di zolfo, potenzialmente fonte di allergie, con l'ozono.
ROMA, 12 feb - Una buona notizia per gli amanti del nettare di Bacco: ricercatori spagnoli sono riusciti a mettere a punto un nuovo metodo per conservare freschi i grappoli d'uva destinati a diventare vino sostituendo il diossido di zolfo, potenzialmente fonte di allergie, con l'ozono. "La tecnica - assicurano sulla rivista Chemical and Industry - è nel 90% dei casi efficace quanto il sistema comunemente usato a base di zolfo".

Gli scienziati dell'università di Cartagena, guidati da Francisco Artes-Hernandez, hanno scoperto in più che "i grappoli d'uva protetti dall'ozono sono anche quattro volte più ricchi di 'preziosi' antiossidanti rispetto ai graspi non trattati", anche se non sono riusciti a spiegare il perché. Dunque, il metodo all'ozono "potrebbe evitare asma e mal di testa a quanti sono sensibili al diossido di zolfo", conclude.

Fonte: Sch/Adnkronos Salute

Valid HTML 4.01 Transitional W3C - Valid CSS3 W3C