Ecco la dieta per combattere l'insonnia a tavola

Pane, pasta e riso. Ma anche lattuga, radicchio, aglio e formaggi freschi, uova bollite, latte caldo e frutta dolce. Sono questi gli alimenti che favoriscono il sonno e aiutano l'organismo a rilassarsi, mentre cibo condito con curry, pepe, paprika e sale in abbondanza ed anche salatini, alimenti in scatola e minestre con dado da cucina rendono piu' difficile addormentarsi.

Roma, 3 gennaio 2008. - Sono questi alcuni principi base suggeriti dalla Coldiretti per una dieta anti insonnia, una patologia sempre piu' diffusa che costa fino all'uno per cento del Pil di un paese secondo uno studio canadese guidato da Meagan Daley, psicologo dell'Universite' Laval di Quebec, e pubblicato sulla rivista Sleep, dal quale emerge che la perdita di produttivita' per anno e per individuo che soffre di insonnia e' pari a 27,6 giorni lavorativi, mentre le assenze dal lavoro sono pari a quasi quattro giorni e mezzo l'anno.

Sono circa 12 milioni gli italiani che soffrono di disturbi del sonno che oltre ai costi sociali provocano pericolosi effetti sulla salute e sulla qualita' della vita con stanchezza diurna e anche depressione.

La Coldiretti ha stilato un vademecum degli alimenti utili per conciliare un buon sonno e di quelli da evitare come, soprattutto la sera, cioccolato, cacao, the e caffe' per la presenza della caffeina, oltre ai superalcolici che inducono un sonno di qualita' cattiva con risveglio al mattino.

Innanzitutto - avverte la Coldiretti - a cena e' fondamentale evitare cibi con sodio in eccesso per cui vanno banditi alimenti con curry, pepe, paprika e sale in abbondanza, ma anche salatini e piatti nei quali sia stato utilizzato dado da cucina. Anche gli alimenti in scatola per l'eccesso di sodio e di conservanti sono da tenere lontani.

Esistono invece cibi - evidenzia la Coldiretti - che aiutano a rilassarsi: innanzitutto pasta, riso, orzo, pane e tutti quelli che contengono un aminoacido, il triptofano, che favorisce la sintesi della serotonina, il neuromediatore del benessere e il neurotrasmettitore cerebrale che stimola il rilassamento. Ok nella dieta serale anche a legumi, uova bollite, carne, pesce, formaggi freschi. La serotonina aumenta con il consumo di alimenti con zuccheri semplici come la frutta dolce di stagione.

Tra le verdure - ricorda ancora la Coldiretti - al primo posto la lattuga, seguita da radicchio rosso e aglio, perche' le loro spiccate proprieta' sedative conciliano il sonno, ma anche zucca, rape e cavoli. Infine, un bicchiere di latte caldo, giusto prima di andare a letto, che oltre a diminuire l'acidita' gastrica che puo' interrompere il sonno, fa entrare in circolo durante la digestione elementi che favoriscono una buona dormita per via di sostanze, presenti anche in formaggi freschi e yogurt, che sono in grado di attenuare insonnia e nervosismo.

Fonte: External link iconhttp://www.agi.it/

Valid HTML 4.01 Transitional W3C - Valid CSS3 W3C